Gli aeroporti stanno diventando sempre più alberghi e uffici per chi deve affrontare lunghe attese per una coincidenza o un volo in ritardo.

Scopri Jabbrrbox. Queste cabine possono essere noleggiate per accedere al Wi-Fi, avere una ricarica USB, illuminazione d'atmosfera, tracker di volo e altoparlanti audio in uno spazio privato e di lavoro.

Non hai ancora acquisito lo status per i club esecutivi o hai semplicemente trovato le sale d'aeroporto completamente piene?

Un nuovo concetto, che potrebbe essere la risposta, è apparso nel Terminal B dell'aeroporto LaGuardia di New York .

L'idea di un ecosistema on-demand e riservabile di spazi privati

Attualmente, l'accesso costa 10 $ per 15 minuti, 15 $ per 30 minuti e 30 $ per un'ora. L'idea nacque quando il co-fondatore Brian Hackathorn si ritrovò abbandonato nel centro di Manhattan, senza un posto dove fare una telefonata di lavoro.

Starbucks era troppo rumoroso, inoltre non voleva avere una conversazione riservata in pubblico. Ha immaginato un nuovo concetto: "L'idea di un ecosistema on-demand e riservabile di spazi privati", come lo descrive il suo co-fondatore Jeremy Jennings.

Correlati: I 10 Capsule Hotel negli aeroporti del mondo

Uffici on-demand

"La tecnologia è legata alla mobilità e in realtà non c'è un posto ideale per trovare la privacy nella tecnologia", afferma Jennings.

Il duo ha unito le forze per far decollare l'idea di Hackathorn - negli spazi pubblici. "Abbiamo iniziato a guardare il demografico degli aeroporti, come uno dei più grandi spazi pubblici per catturare il nostro pubblico e i potenziali clienti, i lavoratori che si spostano frequentemente, i viaggiatori per professione che sono sempre in movimento", dice Hackathorn.

Il team di Jabbrrbox ha previsto che i propri stand possano migliorare, non sostituire, l'esperienza dell'air lounge.

"I salotti sono un ottimo posto per alcuni servizi, ma non riesci ancora a trovare la vera privacy, un posto dove concentrarti sul lavoro. Quindi penso che siamo una grande estensione dei lounge", dice Hackathorn.

L'imprenditore dice che il più alto utilizzo di Jabbrrboxes a LaGuardia è vicino alle business lounges.

I Jabbrrboxes sono spazi di lavoro mobili, progettati per gli spazi pubblici.

"Penso intuitivamente, che l'utente è alla ricerca di una esperienza come ospite privilegiato legato alla privacy", spiega. "E possono uscire dalla lounge, usare un Jabbrrbox, e poi tornare nella lounge per il loro cocktail gratuito e un posto dove rilassarsi, quindi penso che la vicinanza sia indispensabile."

Hackathorn dice che le sue creazioni sono "luoghi di lavoro", non cabine telefoniche ed eliminano la claustrofobia con spazio extra.

I creatori di Jabbrrbox pensano che la mancanza di servizi di lavoro mobili sia un problema globale.

Non sappiamo come ti senti nei Capsule Hotel degli aeroporti ma nelle Jabbrrboxes "Non ti senti come se fossi chiuso dentro dentro uno spazio ristretto, ti senti come se fossi in un ambiente bello, confortevole e calmo," aggiunge Hackathorn.

Al momento, i passanti possono vedere all'interno delle Jabbrbox mentre sono in uso, così i creatori stanno testando l'uso di schermi per aggiungere privacy. Mitch Nadler, direttore dello sviluppo commerciale e delle operazioni del LaGuardia Gateway Partners, descrive gli stand come "un grande miglioramento dell'esperienza di viaggio".

"Sono molto popolari, lo vediamo mentre attraversiamo il terminal, ne vediamo l'utilizzo, vediamo la gente fermarsi a guardare con stupore che c'è un'opportunità e un'opzione per loro fuori dai gate", dice.

Nadler non ha escluso l'installazione di più Jabbrrbox a LaGuardia. I creatori degli stands sperano che il programma pilota possa essere esteso ad altri aeroporti sia a livello nazionale che internazionale. Potrebbero anche essere installati in edifici commerciali o utilizzati negli alberghi.

Se il loro uso decolla, i giorni dell'utilizzo dei ritardi aeroportuali come scusa per evitare di lavorare potrebbero presto diventare un ricordo del passato.

Ti abbiamo spirato? Approfitta degli sconti e tariffe speciali di Airterminal e Skyscanner