Chi affitta la propia camera o appartamento in Thailandia tramite Airbnb, su base giornaliera o settimanale, agisce illegalmente.

Airbnb_Thailandia

Secondo una recente sentenza della Corte di Giustizia emessa contro il Wan Vayla Condo, nel distretto di Hua Hin, nella provincia di Prachuap Khiri Khan affittare giornalmente e settimanalmente camere o appartamenti è illegale.

Il tribunale ha stabilito che le persone che affittano le loro case e appartamenti su base giornaliera o settimanale, non hanno ottenuto una regolare licenza per gestire un'attività alberghiera, ai sensi della legge sugli alberghi del 2004. Solo gli affitti di 30 giorni o più sarebbero legali in Thailandia.

Le parti interessate dalla sentenza includono i proprietari di condomini che affittano le loro stanze o appartamenti tramite l'applicazione di Airbnb su base giornaliera e settimanale a clienti sia thailandesi che stranieri.

I proprietari degli appartamenti condominiali temono che, a seguito della sentenza, le autorità applicheranno rigorosamente la legge e non consentiranno loro di gestire la propria attività tramite Airbnb, non lasciando ai clienti alcuna possibilità di trovare un alloggio attraverso l'app.

Secondo i resoconti dei media, il Wan Vayla Condo a Khao Tao ha ricevuto una sentenza dalle autorità locali che delinea la decisione della corte, in due dei tre casi affrontati, in cui i condomini sono stati affittati per meno di un mese.

In un caso, il tribunale ha stabilito il pagamento di una multa di 5.000 baht più 500 baht per ogni giorno del soggiorno di 20 giorni, per un totale di 15.000 baht.

Nel secondo caso, il tribunale ha stabilito il pagamento di una multa di 5.000 baht più un'ulteriore multa di 100 baht per un periodo di 81 giorni scaglionati. L'ammontare totale della multa è stato di 13.100 baht. Il terzo caso è in sospeso.

CORRELATO : 14 cose che dovete sapere prima di usare Airbnb

I funzionari locali hanno esaminato la questione a dicembre 2017 e hanno portato il caso in tribunale. Il primo caso è stato deciso il 5 gennaio 2018 e il secondo caso il 16 gennaio 2018. Le sentenze in entrambi i casi sono state rese pubbliche solo di recente.

Le sentenze, se applicate a livello nazionale, potrebbero essere l'inizio della fine per società come Airbnb in Thailandia, che hanno costantemente affermato che la loro attività in Thailandia è legale.

Airbnb promuove attivamente la sua attività in Thailandia e le conseguenze della sentenza potrebbero essere molto pesanti per l'azienda, i locatari e i consumatori.

Il Wan Vayla Condo si trova su 20 rai di terra nella zona di Khao Tao.

Nel frattempo, la Thai Hotels Association (THA) ha chiesto al governo di chiudere gli hotel non registrati, compresi gli appartamenti e i condomini di Airbnb. L'associazione afferma che questi operatori stanno causando problemi all'industria turistica della nazione.

Surapong Techaruvichit, un consulente della THA, ha detto che l'associazione vuole che il governo invochi la Sezione 44 per affrontare il problema.

"Riteniamo che il numero di proprietà non registrate diminuirà se il governo eserciterà il potere datogli dalla Sezione 44", ha affermato.

Secondo lui, più della metà degli hotel sul mercato sono hotel non registrati, e quindi hotel illegali.

Gli hotel illegali includono appartamenti, pensioni, condomini e altre proprietà private disponibili per l'affitto ai turisti.

Queste proprietà non sono registrate come hotel al Dipartimento dell'amministrazione locale che approva e rilascia le licenze degli hotel.

La THA considera Airbnb una nuova minaccia per l'industria alberghiera e turistica in Thailandia.

Se ad Airbnb verrà vietato di operare in Thailandia, limiterà la scelta per i turisti dal momento che molte persone preferiscono Airbnb per prenotare stanze anche negli hotel.

Il governo dovrebbe affrontare il problema e trovare un modo per consentire ad Airbnb di operare legalmente e accogliere in THailandia i clienti che preferiscono utilizzare il sito.

I rappresentanti di Airbnb dovrebbero incontrare prossimamente i funzionari del governo thailandese per risolvere il problema.

Ti abbiamo spirato? Approfitta degli sconti e tariffe speciali di Airterminal e Skyscanner