Il dipartimento per la conservazione ha riferito mercoledì che non si potrà più pernottare sulle Isole Similan in Thailandia e le visite dei turisti saranno limitate a 3.325 visitatori giornalieri dal 1 ° gennaio, con un massimo di 525 per le immersioni in acque profonde. Anche le imbarcazioni da turismo con una capacità di oltre 100 persone saranno bandite dalla zona.

BANGKOK - I turisti non sono più autorizzati a pernottare nelle isole Similan da martedì, ha annunciato il dipartimento per la conservazione dei parchi marini.

L'annuncio, pubblicato sulla Royal Gazette lunedì, riporta che le visite durante la notte aumentano l'inquinamento idrico che danneggia l'ecologia delle isole - in particolare i coralli e gli animali acquatici. La regola si applica sia alle barche liveaboard che alle sistemazioni interne.

Un'eccezione per i pernottamenti sarà fatta per coloro che gestiscono attività di tour in acque profonde con licenze rilasciate dalle autorità del parco nazionale.

Nell'annuncio non sono stati approfonditi i dettagli di tale eccezione, ma i funzionari hanno detto il mese scorso, quando hanno sollevato l'idea, che le imbarcazioni per le immersioni subacquee avrebbero potuto rimanere fino a quattro notti.

Il massiccio flusso di visitatori dell'arcipelago nella provincia di Phang Nga ha suscitato preoccupazioni che la natura potrebbe essere distrutta oltre il punto di non ritorno. Più di 5.000 persone visitano le isole ogni giorno durante la stagione di apertura, secondo il dipartimento.

A maggio, le autorità hanno interrotto i servizi di alloggio nelle isole nella speranza di ridurre la quantità di visitatori e l'inquinamento da rifiuti alimentari e liquami.

Le autorità hanno recentemente intensificato le misure di conservazione ambientale. La scorsa settimana, i funzionari hanno annunciato che la famosa Maya Beach chiusa ufficialmente e indefinitamente ai turisti ai turisti fino a quando il suo ecosistema non sarà ripristinato.

Ti abbiamo spirato? Approfitta degli sconti e tariffe speciali di Airterminal e Skyscanner