Quasi tutti hanno sentito parlare della "scatola nera" su un aereo. Il termine tende ad avere forti associazioni perché la maggior parte delle volte quando sentiamo parlare della scatola nera è il risultato di un incidente aereo. Ecco uno sguardo a come funzionano.

 

"Scatola nera" è un termine comune nell'uso popolare, ma nel settore viene generalmente indicato come un registratore elettronico dei dati di volo. Ciò può descrivere il CVR (Cockpit Voice Recorder) o l'FDR (Flight Data Recorder) o una combinazione di entrambi. Un certo numero di moderne scatole nere ospitano tutto all'interno di un'unità. Ad ogni modo, per motivi di ridondanza, ogni aereo deve averne almeno due a bordo. E fanno esattamente quello che dicono sulla scatola: queste scatole sono essenzialmente dischi rigidi fortemente fortificati che registrano tutto ciò che riguarda un volo su base continuativa.

Dati FDR dall'incidente del Lion Air 610
Una lettura dal Flight Data Recorder (FDR) sul volo Lion Air 610, un 737Max che si è schiantato poco dopo la partenza da Jakarta.



L'FDR registra continuamente una vasta gamma di dati (circa 700 parametri diversi) su tutti gli aspetti di un aereo mentre vola da un posto all'altro. Il CVR registra le conversazioni in cabina di pilotaggio e altri suoni come trasmissioni radio e allarmi automatici, sebbene elimini tutti gli audio più vecchi delle ultime due ore di volo.

L'idea di base è che in caso di problemi con l'aereo – soprattutto se c'è stato un grave incidente e non è possibile parlare con i piloti di quanto accaduto – i dati della scatola nera possono aiutare a ricostruire esattamente cosa è successo.

In qualsiasi esplorazione di questo argomento, una delle cose più popolari da sottolineare sulla scatola nera è che quasi nessuna è effettivamente nera. Vuoi essere in grado di trovarli effettivamente dopo un incidente, quindi sono dipinti con un colore brillante: arancione internazionale. Eppure il nome scatola nera persiste, forse perché "scatola arancione" non ha proprio lo stesso suono.

Il recupero facile è ovviamente una priorità e potrebbe non essere sempre chiaro dove sia caduto un aereo, soprattutto se si verifica su tratti di oceano remoti. Per questo motivo tutte le scatole nere sono dotate di localizzatori subacquei che trasmettono un segnale al contatto con l'acqua, almeno fino a quando la batteria non si esaurisce, di solito dopo circa un mese. Un problema, tuttavia, è che il raggio del segnale non è molto ampio e ci sono state richieste per l'installazione di beacon più potenti che renderebbero più facile trovare l'aereo in un crash remoto.

Il registratore dei dati di volo recuperato del volo Atlas Air 3591, un jet cargo Boeing 767-300, che si è schiantato nella palude fangosa di Trinity Bay il 23 febbraio 2019. (Foto NTSB)



Sebbene la speranza sia sempre che i dati contenuti in una data scatola nera non debbano mai essere recuperati e analizzati, ogni registratore deve essere in grado di resistere allo scenario peggiore: un incidente catastrofico. Ciò significa che devono essere certificati come più o meno indistruttibili, almeno fino a soglie molto elevate. Vengono testati lanciandoli contro un muro di cemento a una velocità di 750 chilometri all'ora e devono sopportare carichi di 2,25 tonnellate per almeno cinque minuti, temperature di 1.100 gradi Celsius per un'ora e non solo essere impermeabili ma resistere la forte pressione che si trova a profondità di migliaia di metri sott'acqua.

Gli investigatori BEA analizzano un registratore di dati di volo.



Considera il fatto che dopo lo schianto del volo Air France 447 nell'Oceano Atlantico nel 2009, le scatole nere sono state trovate quasi due anni dopo. Il relitto che conteneva le scatole è stato sommerso a una profondità di quasi 4.000 metri. Eppure, i dati e le registrazioni sono stati recuperati con successo e si sono rivelati preziosi per aiutare gli investigatori a capire esattamente cosa è andato storto. Queste cose sono chiaramente costruite per durare.

Per raggiungere questo livello di robustezza, le schede di memoria a stato solido che memorizzano i dati sono alloggiate in diversi strati di materiale, spesso tra un guscio esterno in acciaio o titanio, un blocco termico e uno speciale isolamento. Il più delle volte sono tenuti nella coda dell'aereo dove si presume che avranno maggiori possibilità di sopravvivenza.

Il ruolo di questi dispositivi nell'individuare gli incidenti gravi è molto noto, ma possono essere utili anche per la risoluzione dei problemi o la comprensione di problemi meno gravi.

Il ricco set di punti dati può aiutare a far luce su ciò che potrebbe essere andato storto in un particolare sistema e aiutare gli ingegneri a isolare e risolvere quel problema, oppure può chiarire quale serie di problemi di comunicazione o passi falsi ha portato a una situazione pericolosa.

In entrambi i casi, analisti appositamente addestrati estraggono i dati e li analizzano alla ricerca di qualsiasi indizio. Ci sono solo una manciata di agenzie al mondo con le risorse e l'esperienza per analizzare i dati della scatola nera in incidenti complessi.

Un'agenzia di alto profilo è la francese BEA , che è stata incaricata di analizzare le scatole del volo ET302 di Ethiopian Airlines, l'incidente del 737Max di alto profilo che ha portato alla messa a terra in corso in tutto il mondo di quell'aeromobile. Gli investigatori esperti possono quasi sempre utilizzare ciò che trovano per dipingere un quadro molto completo di ciò che è accaduto e utilizzarlo per rendere più sicuri i voli futuri.

Un Kulula.com 737-800 in decollo da Città del Capo (CPT) è un raro esempio di aereo che indica la posizione della sua scatola nera nella livrea.



Da una manciata di incidenti di alto profilo come l'AF447 e l'MH370 (il 777 della Malaysia Airlines scomparso senza lasciare traccia) alcuni hanno chiesto di passare alla trasmissione di un live streaming di dati di telemetria dagli aerei invece di memorizzarli su scatole che devono essere recuperate . Ciò darebbe agli investigatori un accesso immediato ai dati rilevanti e porterebbe le risposte tanto necessarie al mondo molto più velocemente.

Ma finora, sebbene siano disponibili alcune soluzioni basate su satellite per i dati di volo in streaming live, la trasmissione dell'intera gamma di dati di volo in tempo reale non è per lo più vista come una priorità. Perché?

Perché sarebbe una soluzione costosa per un problema quasi inesistente. Anche se migliaia di scatole nere memorizzano milioni di dati giorno dopo giorno sui voli in tutto il mondo, la maggior parte non è mai necessaria perché gli incidenti gravi sono incredibilmente rari. E gli incidenti in cui i dati sono difficili da recuperare o l'aereo non può essere trovato sono ancora più rari. Una scatola nera è come un'assicurazione: è fantastico averla, e ancora meglio se non la devi mai usare.

Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Marketing
Set of techniques which have for object the commercial strategy and in particular the market study.
Quantcast
Sono a posto!
Declino